Marica Fasoli | I quadri in 3D di Marica Fasoli
15777
page-template-default,page,page-id-15777,page-child,parent-pageid-15495,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

I quadri in 3D di Marica Fasoli

I quadri in 3D di Marica Fasoli

Repubblica.it – Milano | 29 settembre 2010, Viviana Birolli

Quella del trompe l’oeil è una tradizione antica quanto quella del pennello. Ma non è ancora detta l’ultima parola. In questi giorni la Fondazione Matalon di Milano si popola di scatole, scatolette, scatoloni, chiusi con carta da pacco, spago, corda o scotch con il fatidico monito “fragile”. Alcuni sono strappati e lasciano intravedere una bicicletta, una camicia sdrucita o il lembo di una lettera spedita chissà dove, chissà a chi. Potrebbe sembrare un trasloco: invece sono le opere di Marica Fasoli, che ridà vita alla tradizione dell’iperrealismo portandolo fino alle sue estreme conseguenze tridimensionali. Restauratrice di formazione, 33 anni, Marica Fasoli porta alla ribalta – con la curatela di Luca Beatrice – gli oggetti del quotidiano, non quelli “marcati” della pop art, ma quelli che sono dappertutto (Viviana Birolli)